5 buone ragioni per opporsi alla riforma Gelmini

1. Sostituzione delle borse di studio con i prestiti d’onore, sulla falsa riga del modello anglosassone, che indebiterà gli studenti sin dall’inizio della loro vita lavorativa.

2. Aumento delle tasse per coprire i buchi di bilancio, e acceso a pagamento per tutti quei servizi inerenti alla didattica fino ad oggi gratuiti (laboratori, servizi informatici, ecc.).

3. Ingresso dei privati nei consigli di amministrazione; si prevede un 40% di “membri esterni” che andranno a definire gli indirizzi e le priorità didattiche. Verranno così eliminati i corsi non direttamente profittevoli per le aziende.

4. Trasformazione dei contratti dei ricercatori da tempo indeterminato a tempo determinato. Si rafforza pertanto il potere ricattatorio dei baroni, protraendo per altri 8 anni la condizione precaria dei ricercatori che dovranno così continuare a cercare la “protezione” dei docenti più influenti.

5. Contrariamente da quanto millantato dalla sig.ra Gelmini, rafforzamento dei meccanismi di selezione baronali.

Tutti questi tagli avvengono mentre si spendono 15 miliardi di euro per armi, e centinaia di milioni per finanziare missioni d’occupazione militare all’estero. Missioni votate e finanziate da maggioranza e opposizione.
Nelle altre città d’Italia ed anche in altri paesi si scende per strada, bloccando le città e occupando gli atenei. Iniziamo a mobilitarci anche a Scienze Politiche.

Appuntamenti

(altri verranno aggiunti nelle prossime ore)

Lunedì 12:15 Assemblea di facoltà. Ritrovo davanti all’aula 11.

Martedì 8:30 Colazione in facoltà e alle 9:00 si va in corteo fino a Cairoli.

Assemblea Scienze Politiche
scienzepolitichemilano@inventati.org
spomilano.noblogs.org

This entry was posted in Notizie Università. Bookmark the permalink.