La Crisi Finanziaria internazionale, la legge 133 ed il caso Alitalia. Incontro Martedi 25-11 h_16 Aula 5

alitalia

Come i politicanti vogliono fare pagare gli effetti di
una crisi figlia di un sistema economico irrazionale agli studenti ed ai
lavoratori.

 

“Noi la crisi non la paghiamo” è lo slogan che
caratterizza la mobilitazione degli studenti. Tuttavia, il nesso tra la crisi
ed i tagli all’università è un tassello parziale all’interno di un quadro più
ampio che mira a salvare i soggetti responsabili della crisi, ossia banche ed
imprese, attraverso i “sacrifici” dei soggetti che ogni giorno producono la
ricchezza che viene erosa dalla speculazione finanziaria.

Studenti, maestri e personale delle scuole elementari e
medie, lavoratori del settore pubblico e privato, metalmeccanici che scenderanno
in piazza il 12 dicembre e lavoratori di Alitalia sono il corpo sociale su cui
il potere politico sta tentando di scaricare gli effetti di una crisi prodotta
e figlia di un sistema economico irrazionale. Tale dinamica, crediamo, può
essere

interrotta solo se questi soggetti sapranno riconoscersi
come appartenenti allo stesso corpo sociale avente gli stessi interessi.

 

– Relazione sulla crisi finanziaria internazionale:
relatore
Antonio Pagliarone

– L’ulteriore precarizzazione del lavoro operata dalla L.
133: relatore
Assemblea Studenti Scienze Politiche

Il potere politico
dietro al fallimento di Alitalia: relatore
lavoratori Alitalia

 

FACOLTA’ DI SCIENZE POLITICHE, AULA 5.

MARTEDI 25 NOVEMBRE, ORE 16

VIA CONSERVATORIO 7 (MI),

 

Assemblea Studenti Scienze Politiche

 

 

This entry was posted in Forza...Lavoro. Bookmark the permalink.

Lascia un commento